Comunicati Stampa

Storico dei comunicati stampa

Domani la Cerimonia di conferimento del Premio Histria Terra 2014

COMUNICATO STAMPA
27 febbraio 2014


Domani 28 febbraio, alla presenza delle autorità
la Cerimonia di Assegnazione del Premio Histria Terra al generale Riccardo Basile


Dopo essere stata rimandata a causa di una temporanea indisposizione dell’insignito, avrà luogo a Trieste venerdì 28 febbraio, nella Sala Maggiore di Palazzo Tonello, la cerimonia di conferimento della settima edizione del premio Histria Terra dell’Unione degli Istriani.
L’evento, che come ogni anno ha luogo con la collaborazione della Provincia di Trieste, si inserisce a conclusione del calendario ufficiale degli appuntamenti legati al Giorno del Ricordo delle Vittime delle Foibe e dell’Esodo e vedrà la partecipazione delle massime autorità civili e militari a livello regionale, provinciale e comunale.
Il generale Riccardo Basile, cui il Comitato per l’assegnazione presieduto dall’arch. Gianna Duda Marinelli ha voluto conferire il prestigioso premio “per l’impegno profuso e la coerenza mantenuta nella corretta divulgazione in ogni ambito della verità storica sulle vicende del Confine Orientale d’Italia”, è personalità molto nota in città: diplomatosi presso l’Accademia Militare di Modena, ha comandato l’8 Reggimento d’Artiglieria Pasubio e, tra il 1987 ed il 1990, il Distretto Militare Principale di Verona – Vicenza – Mantova, congedandosi con il grado di Generale di Brigata. Grande Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana, decorato con la Medaglia Mauriziana al Merito di dieci lustri di Carriera Militare e con la Medaglia d’Argento al Merito di Lungo Comando, attualmente ricopre numerosi incarichi tra i quali quello di Presidente della Federazione Grigioverde, Presidente della Famiglia Polesana, vice Presidente del Comitato Nazionale per i Martiri delle Foibe e vice Presidente della Lega Nazionale. È inoltre membro della Commissione Foibe presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Basile consegue l’alto riconoscimento del mondo giuliano-dalmata seguendo Aldo Cherini (2008), Luigi Papo (2009), Claudio Antonelli e Sergio Valentini (2010), Antonio Dessanti (2011), Giuseppe Cuscito (2012) e Nidia Cernecca (2013).

UNIONE DEGLI ISTRIANI


icon Scarica il Comunicato Stampa (705.3 kB)

Presentazione del libro: Albo d’Oro – La Venezia Giulia e la Dalmazia nell’ultimo conflitto mondiale.

COMUNICATO STAMPA


20 febbraio 2014


Si presenta venerdì 21 (ore 16.30) a Palazzo Tonello la Terza Edizione aggiornata e rivisitata dell’opera “Albo d’Oro – La Venezia Giulia e Dalmazia nell’ultimo conflitto mondiale” – 1° volume – La Provincia di Trieste


Sono trascorsi oltre vent’anni dalla stesura della precedente seconda edizione dell’ “Albo d’Oro. La Venezia Giulia e la Dalmazia nell’ultimo conflitto mondiale”, allora concepita Luigi Papo, il quale dedicò molti anni di ricerche a finalizzare quest’opera fondamentale che adesso, grazie all’impegno ed alla passione del ricercatore Giorgio Rustia, viene riedita nella sua nuova, aggiornata ed arricchita terza versione in un primo volume (i caduti ed infoibati della Provincia di Trieste), cui seguiranno altri due nell’arco di tre anni per includere anche le vittime dell’Istria e della Dalmazia.
Si tratta di un lavoro sostanziale di riferimento storico-bibliografico – lo studio di Luigi Papo è stato adottato quale documento ufficiale da parte della Commissione della Presidenza del Consiglio dei Ministri per valutare ed assegnare le onorificenze ai parenti e congiunti degli Infoibati – che necessitava però da tempo di una revisione generale rispetto allo stato delle ricerche di oltre vent’anni fa circa (1989), quando uscì appunto l’ultima edizione; in particolare vi era l’esigenza di contestualizzare meglio e più efficacemente il quadro, ed il bisogno di aggiornare, a fronte delle ulteriori e più approfondite investigazioni, l’elenco dei Caduti o precisarne meglio la loro tragica sorte. Gli elenchi sono divisi per Arma o formazione di appartenenza sia della RSI che della lotta partigiana, vengono citati gli Ebrei soppressi nella Risiera di San Sabba e quelli deportati e morti nei campi nazisti in Boemia e Polonia, le vittime delle rappresaglie nazifasciste, i civili rimasti uccisi nei bombardamenti di Trieste e provincia, i Caduti nell’Insurrezione di Trieste dell’aprile 1945, della Croce Rossa Italiana ed i deportati residenti nel capoluogo giuliano durante i 10 giorni di occupazione Jugoslava della città.
Rispetto alla strutturazione originaria (810 pagine in un unico libro), il primo volume della terza edizione presenta delle notevoli modifiche: per ogni caduto, prima inserito in un semplice elenco alfabetico, vengono ora aggiunte tutte le notizie note alla data del 30 settembre 2013, ovvero, oltre al nome e cognome ed al grado militare – se in servizio a qualsivoglia forza armata – vengono riportati la data ed il luogo di nascita, i nomi dei genitori del Caduto, la località, anche nella dizione in lingua slovena, le circostanze dell’arresto e dell’uccisione, così come eventuali testimonianze desunte da documenti ufficiali, ed infine il luogo di sepoltura, qualora noto.
Questo primo volume vede la luce alla vigilia del decennale della istituzione del “Giorno del Ricordo in memoria delle Vittime delle Foibe, dell’Esodo giuliano-dalmata e delle più complesse vicende del confine orientale”, istituito con la medesima Legge che prevede anche la concessione di un riconoscimento ai congiunti degli Infoibati, e la sua presentazione al pubblico è inserita, di concerto con il Comune e la Provincia di Trieste, nel calendario ufficiale delle manifestazioni del 10 Febbraio 2014.
La nuova strutturazione dell’opera si suddivide in tre parti corrispondenti ad altrettanti periodi fondamentali: la prima va dalla dichiarazione di guerra dell’Italia del 10 giugno 1940 all’armistizio dell’ 8 settembre 1943, la seconda dal 9 settembre 1943 al 28 aprile 1945 e la terza dal 29 aprile 1945 a guerra finite ed oltre…. fino ad includere le vicende del novembre 1953.
La nota riportante l’ultimo nominativo recita: “Stelio ORCIUOLO di Michele e Grazia Triggiani, nato a Trieste il 30 giugno 1934, ivi residente. Civile, macellaio. Deceduto a Trieste il 7 novembre 1954, per complicazioni conseguenti alle ferite causategli dalla Polizia Civile del Governo Militare Alleato Anglo Americano, nella manifestazione filo italiana del 4 novembre 1953”.

UNIONE DEGLI ISTRIANI


icon Scarica il Comunicato Stampa (540.37 kB)

Il Console Generale d'Italia a Capodistria in visita a Palazzo Tonello

COMUNICATO STAMPA

Trieste, 28 gennaio 2014

 

Maria Cristina Antonelli, Console Generale d’Italia a Capodistria 

in visita stamani all’Unione degli Istriani

 

                  Stamani il Console Generale d’Italia a Capodistria, Maria Cristina Antonelli, nel corso della sua visita a Palazzo Tonello in Trieste, si è incontrata con una delegazione della Giunta Esecutiva dell’Unione degli Istriani - Libera Provincia dell’Istria in Esilio, guidata dal presidente Massimiliano Lacota e composta dal vicario Enrico Neami, dal Segretario generale Piero Valente, dal secondo vicepresidente Nelia Verginella Petris e da alcuni altri consiglieri.

                  Nel corso del lungo incontro tenutosi nel Salotto della Dieta, Lacota ha avuto modo di illustrare dettagliatamente la struttura, l’organizzazione e le principali linee di politica associativa dell’Unione, non dopo aver ragguagliato la rappresentante diplomatica sui punti fermi che contraddistinguono le posizioni dell’Unione degli Istriani a livello bilaterale in seno al Tavolo di concertazione Governo-Esuli ed anche internazionale a Bruxelles e Strasburgo.

                  Oltre alle questioni legate alla restituzione dei beni liberi da parte di Slovenia e Croazia, agli indennizzi ed al bilinguismo in Istria, anche a livello di toponomastica, sono stati affrontati e discussi altri numerosi argomenti di attualità, tra i quali le tematiche legate alla minoranza italiana in Slovenia e Croazia, i rapporti tra esuli e rimasti, la minoranza slovena a Trieste, i finanziamenti che lo stato italiano eroga ad entrambe le realtà ed infine la questione della diffusione e della conoscenza delle vicende storiche legate al Confine Orientale d’Italia nelle generazioni più giovani.

                  Prima della conclusione dell’incontro, ha avuto luogo uno scambio di omaggi istituzionali.

 

UNIONE DEGLI ISTRIANI


icon Scarica il Comunicato Stampa (985.49 kB)

Comunicato Stampa: studenti del Molise nella Venezia Giulia per il Viaggio nel Ricordo

UNIONE DEGLI ISTRIANI

LIBERA PROVINCIA DELL’ISTRIA IN ESILIO

 

COMUNICATO STAMPA

 

Studenti del Molise in visita a Trieste ed in Istria alla scoperta della Storia

“Viaggio nel Ricordo” per studenti di Campobasso e Boiano ospiti dell’Unione degli Istriani

 Da stasera 18 e fino a venerdì 22 novembre saranno a Trieste, ospiti dell’Unione degli Istriani, numerosi studenti della Regione Molise accompagnati dagli insegnanti, nell’ambito del progetto realizzato dall’Unione degli Istriani intitolato “Viaggio nel Ricordo” che prevede la visita dei principali monumenti di Trieste e della provincia di Gorizia (tra cui la Foiba di Basovizza, il CRP di Padriciano, la Risiera di San Sabba, il sacrario di Redipuglia ed alcune zone trincerate del Carso monfalconese) ed una escursione in Istria.

                            Gli studenti - che avranno anche l’opportunità di seguire alcune lezioni ed assistere alla proiezione di video-documentari nella sede di Palazzo Tonello – visiteranno il castello di Miramare e di principali musei cittadini.

                            “Si tratta della quarta iniziativa nel corso di dodici mesi” spiega il presidente Massimiliano Lacota “ed è importante che simili progetti possano trovare una maggiore diffusione coinvolgendo le scuole attraverso degli appositi concorsi e selezioni,  in modo da permettere in primis agli studenti più meritevoli ed interessati di conoscere da vicino realtà storiche e geografiche come lo sono la Venezia Giulia e l’Istria”.

UNIONE DEGLI ISTRIANI


icon Scarica il Comunicato Stampa (64.54 kB)

Conferenza Stampa: “Magazzino 18”: spettacolo positivo e precisazioni a chiusura delle polemiche dei giorni scorsi

INVITO A CONFERENZA STAMPA

Trieste, 23 ottobre 2013

 

“Magazzino 18”: spettacolo positivo e precisazioni a chiusura delle polemiche dei giorni scorsi

 

 Si invitano i signori giornalisti a prender parte alla conferenza stampa  convocata dal Presidente dell’Unione degli Istriani Massimiliano Lacota, che avrà luogo, giovedì 24 ottobre 2013 alle ore 10.00, presso il Politeama Rossetti (Caffè Rossetti), viale XX Settembre 45 a Trieste, indetta per precisare meglio le ragioni delle perplessità manifestate da gran parte del mondo dell’esodo alla vigilia della prima dello spettacolo “Magazzino 18” di Simone Cristicchi, e per evidenziarne il pieno e meritato successo.

 Alla conferenza stampa prenderanno parte il Presidente della Lega Nazionale avv. Paolo Sardos Albertini ed il Presidente dei Dalmati di Trieste, on. Renzo de’ Vidovich.

 

UNIONE DEGLI ISTRIANI


icon Scarica il comunicato stampa (154.8 kB)