Comunicati Stampa

Storico dei comunicati stampa

Assemblea pubblica sul tema dei misteriosi risarcimenti della Slovenia agli Esuli che hanno patito i campi profughi in Italia

UNIONE DEGLI ISTRIANI LIBERA PROVINCIA DELL’ISTRIA IN ESILIO

COMUNICATO STAMPA 9 aprile 2015

Assemblea pubblica sul tema dei misteriosi risarcimenti della Slovenia agli Esuli che hanno patito i campi profughi in Italia

Lacota: “vicenda inquietante che deve essere chiarita al più presto dalle Autorità della Slovenia”

Si svolgerà domani, venerdì 10 aprile 2015, alle ore 16.00, presso la Sala Maggiore di Palazzo Tonello luogo l’assemblea pubblica convocata dalla presidenza dell’associazione per fare luce e soprattutto chiarezza sulla sinistra vicenda che da un anno quasi ha visto coinvolti gli Esuli provenienti dai comuni italiani oggi sotto sovranità slovena, i quali ricevono una sorta di indennizzi dallo Stato sloveno per aver vissuto il dramma dei campi profughi in Italia dopo l’abbandono delle loro case e terre in Istria.

“Si tratta di una vicenda che ha dell’incredibile e che va necessariamente chiarita da parte delle Autorità slovene” ha spiegato il presidente Lacota, che ha promosso l’iniziativa, “affinché vi sia certezza sull’entità dei risarcimenti ed a che titolo questi vengono erogati”.

UNIONE DEGLI ISTRIANI

icon Scarica il Comunicato Stampa (211.7 kB)

Abbonamenti bus agevolati anche per la categoria esuli

COMUNICATO STAMPA

 

NO A STRUMENTALIZZAZIONI E POLEMICHE SU UNA NORMA CHE VA APPLICATA

Rilevati anche casi sporadici di riconoscimenti anche in assenza di finanziamenti

L'Unione degli Istriani interviene dopo le polemiche degli ultimi dieci giorni che hanno visto protagonisti - loro malgrado - gli esuli istriani, fiumani e dalmati residenti in Friuli Venezia Giulia (e non soltanto a Trieste!).

«Finora, sulla questione, sono intervenuti diversi esponenti politici ed alcuni funzionari pubblici lautamente stipendiati» commenta il presidente Massimiliano Lacota «ma mi pare più che opportuno far sapere che l'Associazione di gran lunga più rappresentativa su questo territorio, cioè l'Unione degli Istriani, non è certamente stata a guardare attendendo di leggere sulle pagine della stampa locale i quotidiani, antipatici rimpalli di responsabilità tra Enti pubblici che, comunque, sono tra i primi responsabili di una palesemente lacunosa informazione fornita agli utenti del trasporto pubblico regionale».

«Ho personalmente convocato i consulenti legali dell'Associazione, con i quali è stato appurato che la norma contenuta nella legge del 2007, per essere correttamente applicata, doveva essere però finanziata: cosa che non è mai avvenuta, purtroppo nemmeno con la Giunta Tondo» spiega Lacota. «Inoltre, è stato rilevato come alcuni associati presentatisi agli uffici della Segreteria di Palazzo Tonello nei giorni scorsi, abbiano comunque ottenuto ripetutamente gli sconti previsti, nonostante la mancanza di appositi finanziamenti».

Ecco perché è stata sempre l'Unione degli Istriani a sollecitare la Presidenza della Regione affinché si arrivasse in tempi rapidi ad un esame congiunto della situazione ed a fare semplicemente chiarezza.

«Sono grato alla Presidente Serracchiani per aver convocato anche le altre associazioni di rappresentanza, al fine di dare corso all'applicazione della norma finora disattesa, ponendo fine a polemiche strumentali e dispute tra Enti che non hanno alcuna ragione di esistere» conclude Lacota.

UNIONE DEGLI ISTRIANI

Lacota “Riorganizzare le Associazioni attraverso un progetto serio e qualificante”

 

COMUNICATO STAMPA

Si è svolta stamattina la Cerimonia solenne in Consiglio Comunale

Lacota “Riorganizzare le Associazioni attraverso un progetto serio e qualificante” 

Messaggi del Premier Matteo Renzi, della Presidente della Camera Boldrini e di Amedeo di Savoia

Si è svolta stamattina nella Sala del Consiglio Comunale la cerimonia pubblica, alla presenza delle massime autorità, conclusiva delle celebrazioni del Sessantesimo anniversario di fondazione dell’Unione degli Istriani.

Dopo l’ingresso dei labari dei Comuni istriani in Esilio sulle note della canzone “Le ragazze di Trieste”, si sono susseguiti gli interventi del Presidente della provincia di Trieste Bassa Poropat, del Sindaco Cosolini, del Prefetto Garufi e del presidente dell’Unione Massimiliano Lacota, che ha inteso rievocare brevemente la storia dell’associazioni, sottolineando in particolare i momenti più difficili di Osimo, per la cui battaglia – ha sottolineato – sono stati puniti i soci che vi avevano partecipato, con ritorsioni, anche pesanti, sui posti di lavoro.

                  Sono stati letti i messaggi del Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, e del Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, i cui contenuti sono stati letti durante i lavori. Anche Amedeo di Savoia, tradizionalmente vicino all’Unione degli Istriani, ha inviato un messaggio di auguri.

                  Il presidente Lacota e la Vicepresidente Verginella hanno consegnato trentatré benemerenze, che il Consiglio generale aveva deliberato di conferire a quelle personalità del mondo della politica, della cultura e del giornalismo che hanno sostenuto nel decennio precedente l’associazione.

Tra i nomi, spiccano quelli di Roberto Menia, Roberto Dipiazza, Fabio Scoccimarro,  Uberto Fortuna Drossi, Ranieri Ponis, Almerigo Apollonio, Caterina Spezzano, Direttore Generale del Ministero dell’Istruzione di  Roma.

Cosolini nel suo intervento ha ringraziato pubblicamente il presidente Lacota e riconosciuto il ruolo svolto dall’Unione nei decenni precedenti a tutela dei diritti degli esuli istriani tutti, e non soltanto quelli di riferimento, e per il lavoro di custodia della memoria della tragedia dell’Esodo e delle Foibe.

UNIONE DEGLI ISTRIANI

icon Scarica il Comunicato Stampa (58.59 kB)

 

L’Unione degli Istriani celebra in Consiglio Comunale il Sessantesimo di Fondazione, adesione istituzionale del Presidente del Senato Pietro Grasso

 

COMUNICATO STAMPA

Sabato 29 novembre la commemorazione solenne con la consegna di trenta benemerenze

L’Unione degli Istriani celebra in Consiglio Comunale

il Sessantesimo di Fondazione, adesione istituzionale del Presidente del Senato Pietro Grasso 

A Palazzo Tonello, nel pomeriggio, torta gigante di trenta chili e brindisi collettivo

 

Sono giunti alle battute finali i festeggiamenti per il sessantesimo di fondazione dell’Unione degli Istriani. Iniziati lo scorso 3 novembre, con l’inaugurazione di una mostra documentaria a carattere rievocativo (visitabile nella sala Torrebianca, in via Torrebianca 22 fino al 30 novembre) e con la pubblicazione di un bel catalogo di ben 160 pagine, sono proseguiti per tutto il mese di novembre con diverse iniziative culturali, culminate con la conferenza di carattere nazionale svoltasi sabato scorso 22 novembre nel salone di rappresentanza del Palazzo della Regione di piazza dell’Unità, alla presenza della presidente Debora Serracchiani.

Dopo i saluti del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, sono giunti anche gli auguri da parte della seconda carica dello Stato, ovvero dal presidente del Senato, Pietro Grasso. In un messaggio indirizzato a Massimiliano Lacota, Grasso esprime la sua “personale ed istituzionale adesione alla cerimonia commemorativa del 29 novembre dal così alto valore civile e storico in quanto testimonia il dovere delle istituzioni e di tutti i cittadini di riconoscere il giusto tributo a quanti eroicamente sacrificarono la loro vita per permettere al nostro paese di rialzarsi dalle rovine della guerra, di riappropriarsi del suo cammino e di restituire ai cittadini la libertà e dignità perdute”.

Una frase – questa – che probabilmente intende anche mettere definitivamente fine alle polemiche generatesi nelle scorse settimane con le esternazioni di Iztok Furlanič, presidente del Consiglio Comunale, che aveva esaltato al figura di Tito e delle sue truppe come liberatori della città.

Alla cerimonia, il cu inizio è previsto alle ore 9.50 con l’ingresso dei labari e delle bandiere dei Comuni istriani in esilio, prenderanno parte le massime autorità cittadine e regionali e prevede l’intervento del presidente dell’Unione Massimiliano Lacota, quello del Prefetto Garufi, del Sindaco Roberto Cosolini e gli indirizzi di saluto della Presidente della Provincia Bassa Poropat e del Rappresentante della Regione.

Nell’occasione verranno conferiti una trentina di attestati di benemerenza a personalità del mondo della politica, delle istituzioni  e ad alcuni soci che nel decennio precedente si siano distinti per aver contribuito alla promozione della conoscenza del dramma delle Foibe e dell’esodo giuliano-dalmata presso la società civile.

Nel pomeriggio dello stesso sabato, a partire dalle ore 16.00 nella sede di Palazzo Tonello di via Pellico, il momento conclusivo delle celebrazioni: torta gigante da 30 kilogrammi per tutti e brindisi augurale.

La Segreteria Generale

icon Scarica il Comunicato Stampa (68.25 kB)

Conferenza Stampa: In Consiglio Comunale, sabato prossimo, la cerimonia di commemorazione del 60° Anniversario di Fondazione dell’Unione degli Istriani

INVITO A CONFERENZA STAMPA

 

In Consiglio Comunale, sabato prossimo,

la cerimonia di commemorazione

del 60° Anniversario di Fondazione dell’Unione degli Istriani

 

 

I Sigg. giornalisti sono invitati a prendere parte alla conferenza stampa di presentazione del programma della cerimonia commemorativa solenne che avrà luogo sabato 29 novembre, con inizio alle ore 9.50, presso la Sala del Consiglio Comunale di Trieste, e durante la quale verranno conferite una trentina benemerenze a soci e personalità del mondo della cultura e della politica che si sono distinte nel decennio precedente per il loro sostegno all’Unione degli Istriani nell’ambito della loro attività.

Saranno presenti il Sindaco Roberto Cosolini – che, assieme al Prefetto Francecsa Adelaide Garufi pronuncerà un discorso ufficiale –  la presidente della provincia Maria Teresa Bassa Poropat e la presidente Debora Serracchiani.

 E’ prevista la partecipazione di ospiti dalla Carinzia e dall’Istria.

La conferenza stampa, coordinata dal presidente Massimiliano Lacota, si svolgerà domani, giovedì 27 novembre 2014, alle ore 10.30, presso la sede di Palazzo Tonello in via Silvio Pellico 2 a Trieste.

 

La Segreteria Generale

icon Scarica il Comunicato Stampa (54.7 kB)